Slide background
Slide background
Slide background

Si tratta di un vino dal carattere giovane. All’ esame visivo si mostra robusto, con archetti fitti e lenta discesa di glicerolo, di un accattivante colore rosso rubino scuro, quasi nero, e con un’ unghia che tende al viola scuro

Al naso la sua robustezza è accompagnata da un’esplosione di profumi che si amplificano diventando sempre  più complessi, spiccano le note di susina e mora matura con qualche sentore di rosa rossa.

In bocca è ampio e caldo, abbastanza morbido e tannico e ricorda la rusticità del vitigno da cui proviene, una tannicità addomesticata dal modesto invecchiamento in rovere.

L’astringenza si estende a tutto il cavo orale e ci prepara ad accogliere un ampio spettro di aromi fruttati: prugne, susine, more, mirtilli, accompagnano un marcato aroma di ciliegia non ancora matura.

Chiude con una leggera tostatura.

DISCIPLINARE

La zona di produzione è il Comune di Bagnacavallo e i comuni limitrofi (confinanti).

Il vino Bursôn si produce esclusivamente con l’uva del vitigno Uva Longanesi, vinificato in purezza.

Il marchio Bursôn viene rilasciato a giudizio insindacabile del Consiglio Direttivo per il vino giudicato idoneo dal Comitato Tecnico del Consorzio.

La resa massima dell’uva deve essere al massimo 120-130 quintali per ettaro.

La raccolta dell’uva deve essere autorizzata da un Tecnico incaricato del Consorzio.

La vinificazione deve avvenire secondo le tecniche enologiche indicate dal Consorzio ed essere controllate dall’Enologo incaricato.

Il vino prodotto deve essere posto in barriques e controllato periodicamente dall’Enologo del Consorzio.

Il vino Bursôn può essere prodotto nelle versioni: Etichetta Blu ed Etichetta Nera.

Il vino “Bursôn Etichetta Blu” prima di essere imbottigliato deve rimanere in barriques non meno di 6 mesi, e non può essere venduto prima del 1 settembre dell’anno successivo alla vendemmia. La sua gradazione alcolica minima svolta deve essere di 12,5°.

Il vino Bursôn deve essere imbottigliato utilizzando esclusivamente tappi di sughero naturale e bottiglie con impresso il marchio del Consorzio.

Il vino Bursôn (sia Etichetta Blu che Etichetta Nera), prima di essere immesso al consumo, deve essere sottoposto al controllo chimico/organolettico da parte del Comitato Tecnicodell’Ente Tutela Vini Romagnoli, che rilascerà un certificato di idoneità.

 

sr

Consorzio Bagnacavallo © Copyright 2014. Credits